Feel the gravel

Il gravel in questo momento sta cercando se stesso. Una disciplina che, per il suo recente arrivo, naviga tra varie acque ed è ancora immersa nel cercare la sua strada. Attualmente stiamo vivendo una metamorfosi del fenomeno verso diversi versanti: avventura, introspezione, competizione… Concetti che oggi si scontrano nel dibattito del gravel e che devono essere definiti, oppure no.

Una riscoperta costante

Il gravel ha un significato diverso per ogni persona. La bicicletta storicamente ha sempre avuto uno scopo principalmente competitivo, ma oggi il ventaglio di scenari in cui una bicicletta ci accompagna si va ampliando per arrivare sempre più lontano, per conquistare nuovi orizzonti.

Infatti, come professa Pachamama, il ciclismo, periodicamente, muta la pelle allo scopo di farsi strada nelle nostre vite e di continuare ad avere uno spazio in esse. Qui è dove si trova il gravel.

Più che un fenomeno

Questo modo di concepire la bicicletta passa tra l’asfalto e le piste; il suo habitat sono i sentieri inesplorati che riempie di avventure trepidanti al suo passaggio.

Ci sono persone che si divertono a combinare la bicicletta con un’avventura di più di una giornata e scelgono di immergersi in un’esperienza bikepacking. Per altre, invece, il gravel è sinonimo di semplicità, e serve per godersi uscite veloci, di lunga distanza e su piste tranquille.

PER NOI, INVECE, VUOL DIRE ESSERE LIBERI DI SPIRITO E UNO STRUMENTO PER ESPLORARE E RAGGIUNGERE LUOGHI POCO BATTUTI. IL GRAVEL CONSENTE DI VIVERE AVVENTURE, VICINO E LONTANO DA CASA, CON UNA CONNESSIONE PIÙ PROFONDA CON L’AMBIENTE E LE PERSONE CHE LO ABITANO.

Un’imperiosa necessità di avventura a cui la bicicletta, ancora una volta, ci fornisce la soluzione. Da lì nasce il gravel e risponde a questo.

Ma la trasversalità di questa disciplina comprende anche la competizione, a modo suo. Per questo ti invitiamo ad accompagnarci nell’avventura di Ranxo, un’opportunità perfetta per renderci conto che il gravel e la sua pratica non hanno né limiti né orizzonti.

Voci relative

2 months fa

C’est Le Tour

Oggi, il ciclismo è delle donne. Di Lisa, di Laura, di Sandra, di Marta, di Kathrin, di Maria e di tutte coloro che hanno pedalato per il loro sport e hanno valorizzato il ruolo della donna. In “C’est Le Tour”, le corritrici del Ceratizit WNT Pro Cycling danno voce al ciclismo femminile attraverso la loro esperienza, mostrando il cammino alle generazioni future.

2 months fa

L’era della resa accessibile

Per coloro che hanno provato solo il cambio meccanico e l’ergonomia, il nuovo Shimano 105 Di2 rappresenta una trasformazione dell’esperienza del ciclismo su strada. Una trasformazione di cui, a partire da ora, si potrà usufruire in due dei nostri modelli più emblematici da strada come l’Orca e l’Orca Aero.

5 months fa

Migliora il tuo allenamento

Nel ciclismo su strada, impegno, perseveranza e dedizione sono l’unico modo per raggiungere l’eccellenza ma, in quest’epoca di dati e tecnologia, molti ciclisti si concentrano sui watt e si allenano in modo più intelligente, non più duro.

Esta web utiliza cookies propias y de terceros para su correcto funcionamiento y para fines analíticos. Al hacer clic en el botón Aceptar, acepta el uso de estas tecnologías y el procesamiento de tus datos para estos propósitos.
Privacidad