Se è faticoso per il corpo, è buono per l’anima

Ciò che è faticoso per il corpo è buono per l’anima.

Testo: Douglas McDonald

È stato un anno difficile per tutti. In Spagna, siamo stati a lungo chiusi in casa, senza poter andare in bicicletta e con tanto tempo per riflettere. Sicuramente tutti i miei amici amanti della mountain bike hanno sentito il richiamo delle montagne. Credo che sia giusto dire che abbiamo avuto tutti pensieri simili; la mancanza delle nostre montagne ci ha fatto vedere le cose in modo diverso. Guardarle stando a casa ci ha reso molto più consapevoli dell’ambiente e di come finora abbiamo interagito con esso. Personalmente, mi è rimasto un forte desiderio di sentire la connessione che la mia bici mi fa provare con i sentieri e le montagne. Non si tratta semplicemente di saltare da un paesaggio all’altro a tutta velocità, ma di vivere esperienze e lasciare che penetrino nel profondo dell’anima. Volevo provare una sensazione di intimità con la natura. Desideravo liberarmi dalle catene del lockdown e respirare aria fresca e pulita, dormire sotto le stelle, evitare la città, i furgoni e gli hotel. Volevo soffrire un po’. Ciò che è faticoso per il corpo è buono per l’anima.

Video: Martín Campoy

Devo anche dire che avevo bisogno di un obiettivo chiaro, qualcosa per tenere alto il morale durante il lockdown. Mi serviva un motivo per sopportare la noia di mantenermi in forma mentre eravamo confinati in casa. Qualcosa che mi motivasse a passare ore sui rulli o a saltellare sulla bici in garage. Era da un po’ di tempo che avevo un itinerario in mente. L’idea era collegare tre delle nostre aree preferite dei Pirenei e, nel frattempo, fare un giro intorno all’Aneto, la montagna più alta di questa catena montuosa. Sulla strada vi sono degli ottimi punti di accampamento e per questo volevo chiedere aiuto ai nostri amici di Trekking Mule (volevo soffrire, ma siamo in Spagna e se riesco a ottenere un piatto caldo e un bicchiere di vino lungo la strada non dico certo di no!).

Ho parlato con Orbea per registrare questo viaggio e hanno immediatamente accettato di inviare un videomaker e un fotografo. È stato così che ho iniziato a mettere insieme una squadra e a contattare vecchi amici in tutto il paese. Ho subito pensato a Kike Albeira, un grande fotografo che è anche molto bravo in bicicletta e una persona la cui compagnia trasmette calma. Le riprese sono state curate da Martin Campoy, uno dei rider più veloci dei Pirenei, un maestro dell’ukulele e un grande videomaker. Quiri veniva subito dopo: è un altro ambasciatore di Orbea e ha un eccellente canale Youtube. È anche famoso per aver fatto parte di una band punk negli anni ’80 e ora viaggia per il mondo cantando e suonando la batteria. Il prossimo compagno di viaggio era ovvio, non sarebbe stato lo stesso senza Paul Humbert della rivista Vojo. Paul ha partecipato alla prima avventura nei Pirenei con Orbea e doveva esserci per forza. Infine, Borja e io (Doug) di basqueMTB, che ci siamo occupati dell’organizzazione del viaggio. 

Tutte le avventure hanno un nome e questa l’ho chiamata il “Tour dell’Aneto“. Ho programmato un percorso di 3 notti, collegando le valli di Cinca, quella di Benasque e la valle d’Aran prima di tornare a Benasque su alcuni dei sentieri transitabili più alti dei Pirenei. È un itinerario avventuroso ma le ricompense sono incredibili, con alcune delle migliori piste dei Pirenei e una serie di fantastici punti di accampamento in alta montagna. 

Il gruppo si è incontrato ad Ainsa, che a quanto pare è il punto di partenza di qualsiasi avventura sui Pirenei. Di buon umore, ci siamo salutati con i gomiti, per mantenere la distanza sociale, e abbiamo acquistato gli ultimi pezzi di ricambio nei negozi di biciclette del paese. Da lì ci siamo diretti a nord, verso il bellissimo villaggio di montagna di Sarevillo, dove abbiamo lasciato il furgone. Il nostro obiettivo quella sera era di raggiungere Ibon de Plan, dove avremmo incontrato il team che ci aveva preparato il campo. I ragazzi di Trekking Mule sono buoni amici e lavoriamo insieme ormai da diverso tempo, da quando anni fa abbiamo organizzato uno dei loro primi bike camp. È stato bello vedere Alberto, Álvaro e i loro muli. Sono persone che faccio fatica a immaginare in un luogo che non sia la cima di una montagna; ragazzi che hanno dormito più spesso accampati che al chiuso e che vivono con i loro muli all’aria aperta.

Sono abitanti della montagna, con odore di mulo, brave persone con i volti segnati dal sole e da sorrisi infiniti. Quando siamo arrivati, ci avevano già preparato le tende e il cibo era sui fornelli. Ci siamo seduti a tavola tutti insieme, sentendo l’aria fresca e gli spazi aperti ci hanno risollevato lo spirito. Poco a poco, tramontava il sole e spuntavano le stelle. I bicchieri di vino venivano riempiti e, finito il vino, abbiamo iniziato con il whisky. Suonarono l’ukulele e le canzoni fino a notte fonda. Alla fine, sono andati tutti nelle loro tende e io ho deciso di dormire fuori e guardare le stelle sulle cime delle montagne, finché non mi sono addormentato profondamente. 

I giorni successivi sono stati fantastici e, benché faticosi per il corpo, sono stati buoni per l’anima. Le giornate seguivano uno schema, iniziando con una colazione molto presto al campo; caffè e toast e altro caffè con una meravigliosa vista sulle alte montagne. Abbiamo bevuto caffè fino a quando il sole ha iniziato a riscaldare un po’ l’aria, poi abbiamo fatto una grande escursione in bicicletta per raggiungere il passo di alta montagna di quel giorno e da lì le discese sono state incredibili, lunghe e tecniche. Ognuna di esse ci ha portato in una valle diversa, con l’Aneto alla nostra destra, ci abbiamo lentamente girato intorno in senso orario. Una volta raggiunta una valle, avevamo tempo per pedalare, prima di doverci dirigere al campeggio successivo con un breve trasferimento in furgone e un po’ di salita in bicicletta. Ogni sera, quando arrivavamo al campo, trovavamo le tende piantate, la cena in preparazione e una bottiglia di vino pronta. Abbiamo trascorso le serate guardando il tramonto, mangiando ottimo cibo, bevendo un ottimo whisky e cantando l’infinito repertorio all’ukulele di Martin, mentre spuntavano le stelle. Quando arrivava il momento, sceglievamo dove dormire, dentro o fuori dalle tende. 

In ogni valle abbiamo incontrato vecchi amici e colleghi come Chris di Pyrenees Connection o Mark e David di BikeParksArran. Queste sono persone che hanno contribuito a dar forma a ogni valle e che, a loro volta, ne sono state plasmate. È stato fantastico rivederli e trascorrere parte della nostra avventura con loro. In ogni valle il percorso aveva le sue caratteristiche, dovute alla geologia, ma anche a questa gente locale. Un giorno l’itinerario era il più anti-flow che si possa immaginare e la discesa richiedeva tutti i trucchi e le tecniche possibili solo per portare le bici oltre rocce taglienti e angoli apparentemente impossibili. Per compensare, il sentiero successivo era una striscia di terra serpeggiante con un infinito flow e angoli che formavano terrapieni naturali per quelle che sembravano ore. Ecco i Pirenei: un po’ di tutto! Devi essere un rider completo e hai bisogno di una bici che possa adattarsi a qualsiasi stile di guida, da terreni veloci e scorrevoli a quelli accidentati e tecnici. Abbiamo utilizzato diversi tipi di piste, alcune preparate per le biciclette, ma anche molti sentieri di alta montagna. Questo è il territorio degli alpinisti e pochi ciclisti vi si avventurano. Tutte le persone che abbiamo incontrato erano interessate alle nostre bici e avevano parecchie domande sul nostro viaggio. È importante condividere questi spazi speciali e il rispetto reciproco tra escursionisti e appassionati di mountain bike è essenziale per una piacevole e duratura convivenza in questi luoghi. 

Dopo quasi 4 giorni in bici siamo arrivati alla fine della nostra avventura. È stata breve ma intensa. Abbiamo terminato con una discesa di 2000 m fino alla Valle di Benasque, nel paese stesso, o più precisamente nel bar dell’Hotel San Anton, dove abbiamo ordinato delle birre, le abbiamo bevute e abbiamo ripetuto il procedimento varie volte. Ci siamo scambiati pacche sulla schiena e saluti con i gomiti. Il nostro Tour dell’Aneto era finito ed era esattamente quello di cui avevamo bisogno. È stato fantastico stare all’aria aperta, riconnettersi con il nostro ambiente, con gli amici e, così facendo, alleggerire un po’ il peso che portavamo nel cuore. Come abbiamo detto, ciò che è faticoso per il corpo è buono per l’anima. 

Non potevo scrivere questo articolo senza menzionare la pandemia che stiamo vivendo. È stata in parte la forza che ha plasmato questa avventura, tuttavia durante il nostro viaggio ci siamo trovati in una situazione in continua evoluzione, con nuove regole, che spesso cambiavano quando arrivavamo alla città successiva. Abbiamo voluto rispettare le popolazioni dei paesi che abbiamo attraversato, e ciò significava arrivare, indossare le mascherine e mantenere le distanze. Vedrai nel video che non tutti indossano le mascherine e che ciò cambia con il trascorrere del tempo, perché la normativa viene modificata durante il viaggio. Avevamo tutti tende individuali o dormivamo sotto le stelle. Nei furgoni indossavamo le mascherine e gli abbracci che di solito ci davamo sono stati sostituiti da saluti con il saluto di gomito. Il gruppo di 6 persone che ha partecipato a questo viaggio era stato in isolamento nelle settimane precedenti e abbiamo deciso di indossare le mascherine quando eravamo in spazi chiusi, non sulle montagne perché lì era impossibile. Ogni giorno, misuravamo la temperatura delle persone al campo e, ogni volta che ci toglievamo i guanti, usavamo un disinfettante per le mani. Ci siamo sentiti molto al sicuro e come sempre abbiamo ricevuto un’ottima accoglienza da parte delle persone nei villaggi che abbiamo attraversato. Dopo il video, nessuno che vi abbia partecipato o con cui abbiamo avuto contatto ha mostrato sintomi di Covid. Non è questo il luogo per fare politica, ma vi prego di stare al sicuro, di proteggere voi e chi vi circonda e di seguire tutte le indicazioni. Speriamo di poter sconfiggere questo virus e tornare a pedalare spensierati sulle montagne. 

Voci relative

1 week fa

Trail Tales – Build it and they will come

È una sorta di gioco mentale e fisico: la ricompensa che si ottiene ricomponendo un puzzle a tutta velocità.

1 month fa

Ride Safe… It’s just a break

Dopo un anno anomalo, brutale e complicato, in cui abbiamo mantenuto l’unione, iniziamo a scorgere un po’ di luce alla fine del tunnel.

4 months fa

Pinkbike Academy: e il vincitore è…

Viaggiare per il mondo, percorre i migliori tracciati sui terreni più impegnativi e dedicare la propria vita alla mountain bike, ecco il sogno dei 10 ciclisti che parteciperanno a Pinkbike Academy, per ottenere un contratto con Orbea e un premio da 25.000 $.

Esta web utiliza cookies propias y de terceros para su correcto funcionamiento y para fines analíticos. Al hacer clic en el botón Aceptar, aceptas el uso de estas tecnologías y el procesamiento de tus datos para estos propósitos.
Privacidad