Orbea Lab: Ossessionati dai dettagli

Inside Line

Il design della bicicletta si sta orientando verso soluzioni integrate e pulite. Una di queste tendenze sono i cavi interni e i vantaggi sono significativi: cavi più silenziosi e protetti con meno possibilità di sfregamento. Ovviamente anche i miglioramenti a livello visivo sono importanti. Tutti vogliamo biciclette dall’aspetto più ordinato, giusto?

Perché allora i cavi del blocco dell’ammortizzatore non sono instradati internamente? I vantaggi per il ciclista sarebbero evidenti.

Orbea e Fox lavorano insieme

Nel 2016 abbiamo iniziato a riprogettare la Oiz che avremmo presentato nel 2018. Siamo rimasti davvero soddisfatti delle modifiche al design e delle innovazioni, ma era molto importante trovare una soluzione anche per quel cavo esterno del blocco dell’ammortizzatore. Era un punto fondamentale che dovevamo affrontare per dare piena realizzazione al nostro bellissimo nuovo progetto del telaio Oiz.

Il primo passo per risolvere questo problema è stata una modifica al tubo orizzontale, in modo che l’ammortizzatore potesse essere incassato il più possibile. Da quella posizione avevamo un accesso perfetto per far passare il cavo del blocco nel telaio, garantendo che gli altri comandi degli ammortizzatori fossero comunque facilmente accessibili.

C’era solo un problema! Poiché nessun altro aveva instradato internamente il cavo del blocco, l’attacco sul corpo dell’ammortizzatore era dalla parte sbagliata. Fortunatamente, abbiamo un ottimo rapporto con Fox e siamo riusciti a convincerli a cambiare il design dell’ammortizzatore solo per noi. Spostando la posizione del blocco sull’altro lato del corpo dell’ammortizzatore, dalla parte opposta rispetto agli altri comandi, abbiamo ottenuto un ammortizzatore personalizzato che è stato l’ultimo pezzo del puzzle per far funzionare I-Line.

“Dopo aver convinto Fox delle nostre idee, sono stati davvero collaborativi. È fantastico condividere un progetto con un marchio così aperto all’innovazione”

Xabier Narbaiza, Direttore dello Sviluppo del Prodotto

Il risultato finale

Dopo tutto questo lavoro abbiamo ottenuto il risultato: il cavo dal blocco dell’ammortizzatore segue il percorso più diretto possibile, all’interno del telaio, dall’ammortizzatore al telecomando sul manubrio. Ciò consente a Oiz di avere il supporto per ammortizzatori più elegante e bello del mercato, oltre a proteggere i cavi e il meccanismo di blocco dallo sporco.

L’instradamento diretto significa meno angoli e meno cavi, rendendo l’azione del nostro telecomando leggera e fluida. Infine, incassando l’ammortizzatore nel telaio, abbiamo anche liberato più spazio per la borraccia, rendendola molto più facile da prendere quando si è di fretta.

La Oiz ha l’instradamento interno del blocco più elegante e integrato del mercato, una soluzione che abbiamo chiamiamo “Inside Line” o “I-Line”.

I-Line è stata ritenuta innovativa e originale, al punto di consentirci di ottenere un brevetto. Fermiamoci un secondo ad analizzare tale procedura, perché non è cosa da poco.

Procedura di brevettazione

Ci sono 3 criteri basilari per ottenere un brevetto. È necessario che l’invenzione sia nuova alla data di presentazione della richiesta di brevetto. Il prodotto deve essere una soluzione inventiva, non qualcosa di ovvio. Infine, deve avere applicabilità industriale, ossia deve essere possibile produrla.

Ci sono voluti 3 anni per brevettare Inside Line.

Il procedimento per ottenere un brevetto è lungo e difficile. Innanzitutto si deve verificare che non vi siano ostacoli evidenti alla brevettazione. Il passaggio successivo è compilare la richiesta e inviarla. Verrà quindi assegnato un esaminatore di brevetto. Costui esamina l’invenzione in base ai criteri di cui sopra e può respingere la richiesta in qualsiasi momento. Spesso il procedimento prevede la consultazione dei concorrenti e numerose modifiche, sempre con il rischio che alla fine il brevetto non venga concesso. Ci sono voluti 3 anni per brevettare Inside Line.

A un passo dalla perfezione

Come potrai immaginare, qui in Orbea siamo davvero orgogliosi del nostro team. Sarebbe facile ignorare questi piccoli dettagli se volessimo renderci la vita più semplice, ma siamo ossessionati dalla perfezione e ciò ci aiuta ad avanzare.

Sono minuzie, siamo d’accordo, ma quando la tua bici è così vicina alla perfezione, riteniamo che ci sia concesso ossessionarci con i particolari.

Voci relative

17 hours fa

Orbea Lab: Come superare “l’ansia da autonomia”

Fabbricare una bicicletta elettrica con maggiore autonomia comporta solitamente l’aggiunta di una batteria più grande, e un telaio sufficientemente grande e resistente da accogliere la batteria in modo sicuro. Ma ciò significa un aumento del peso. Per chi cerca maggiore assistenza possibile e autonomia per la propria bicicletta elettrica, questo compromesso vale la pena. Altri cercano qualcosa di diverso, come una guida più leggera, naturale e divertente.

2 months fa

Orbea Lab: un’e-bike che fornisce sensazioni più naturali

Una bici minimalista, integrata ed elegante, senza componenti ingombranti o distrazioni, per farti andare oltre il momento, portandoti a stretto contatto con i sentieri e la tua uscita. Questa è l’idea che ha dato vita al concetto RS.

1 year fa

Cosa rende unica la Alma?

I miglioramenti delle prestazioni sono ovunque e l’ossessione fa parte del gioco. Troppo lontano… dove? Da quando abbiamo degli obiettivi, una concorrenza e uno spirito creativo, ci siamo sforzati di vincere. Una volta che si prova la vittoria, si impone l’ossessione di essere il migliore. Lo senti nel cuore, nei polmoni e nelle gambe e puoi sentirlo nelle nostre biciclette. Bisogna ostinarsi ad aggiustare i minimi dettagli e ad andare oltre ciò che sembra possibile allo scopo di raggiungere i propri obiettivi primari.

Esta web utiliza cookies propias y de terceros para su correcto funcionamiento y para fines analíticos. Al hacer clic en el botón Aceptar, aceptas el uso de estas tecnologías y el procesamiento de tus datos para estos propósitos.
Privacidad