7 May, 2019

L'ARTE DELLA COMPETIZIONE

L'arte della competizione non riguarda la vittoria.

Si tratta di quello che hai fatto per arrivarci. O meglio ancora, a cosa hai dovuto rinunciare.

Il sacrificio, l'allenamento, le ore di sonno perdute, la sofferenza, il dolore alle gambe, la preparazione, la cura dei dettagli, i consigli, la concentrazione…

Il tipo, le grida, la tua squadra, una mano che ti aiuta a raggiungere quella tappa, il feeling con la strada… La soddisfazione di un buon allenamento, il piacere del lavoro di squadra per raggiungere lo stesso obiettivo. La gioia per la vittoria di qualcun altro, gli abbracci dopo una tappa difficile, le congratulazioni degli avversari…

Chi aiuta a vincere ma non taglia il traguardo: i fisioterapisti, i medici, la stampa, tua nonna, tua sorella, quella persona che ti ha insegnato ad andare in bicicletta… Chi non appare nella foto o, se lo fa, è tagliato fuori, in un angolo perché non è al centro dell'attenzione ma è fondamentale perché tutto avvenga.

L'arte della competizione riguarda il fatto di avere dei valori e, con questi, raggiungere l'obiettivo. Se sei il primo o la prima, lo champagne e le rose saranno per te, ma pensiamo che dovrai continuare a pedalare dopo aver raggiunto l'obiettivo. Perché dopo ne verranno altri.

Più grandi, più complicati, che faranno passare in secondo piano quelli già raggiunti.

L'arte della competizione è non lasciarsi sconfiggere, mai. Anche se si perde.

L'arte della competizione significa non smettere di pedalare, mai.

Cosa sai sulle competizioni e su Orbea? Nel corso di questo mese rivolgeremo una serie di domande alle persone tramite i nostri social, chi sarà più preparato avrà la possibilità di vincere dei fantastici premi.