Il collegamento con più storia delle Enduro World Series

Immagini: Kike Abelleira, Luka Šmigoc y Tomo Jeseničnik

È una delle sezioni di collegamento con meno chilometri del quarto turno delle Enduro World Series (EWS) ma, come percorso storico, è il più lungo di tutta la competizione.

La catena montuosa delle Caravanche, che fa parte delle Alpi e costituisce il confine naturale tra l'Austria e la Slovenia, è un vero e proprio brulichio di escursionisti, che vengono a esplorare le sue cime poco battute, o di canoisti, che vogliono scoprire i laghi sotterranei di queste montagne che si estendono per 120 chilometri. Naturalmente, è anche una destinazione per i ciclisti che cercano luoghi inospitali e tonnellate di flow nel Bike Park Jamnica, sul monte Petzen.

Oltre a ciò, tutta quest'area di frontiera è nota anche per la sua ricchezza geologica che, secondo le ricerche, venne scoperta nell'età della pietra quando divenne dimora dei primi coloni del territorio. Inoltre, un archeologo sloveno ha trovato, in una delle cavità della catena montuosa, la grotta Potok, uno dei più antichi aghi da cucito del mondo, che risale a più di 40.000 anni fa.

Migliaia di anni dopo, i Romani usarono l'area per ottenere materiale con cui fabbricare armi e utensili fino a quando, nel 1665, iniziò l'estrazione industriale di piombo e zinco, che rese la zona uno dei più grandi polmoni economici della regione. Qui, infatti, vi era una delle miniere più grandi di questa parte d'Europa, con un'area di 64 chilometri quadrati e profondità fino a 700 metri sotto la superficie.

Tutta questa attività mineraria, interrotta definitivamente alla fine del XX secolo, ha portato alla costruzione di 1.000 chilometri di gallerie e volte. Alcuni di questi spazi si allagarono e diedero origine ai laghi sotterranei sopra menzionati e altri furono preparati per il turismo a piedi e in bicicletta. Sì, in bicicletta.

Enduro sotterraneo

L’area di solito offre itinerari sotterranei tramite la rete di gallerie attraverso cui spostavano il minerale, in modo da poter vivere un'esperienza unica ai piedi del monte Petzen, pedalando sotto la superficie a centinaia di metri, con scarsa illuminazione e per varie ore.

Nel quarto appuntamento della più grande competizione di Enduro al mondo, una piccola parte del labirinto di gallerie diventa una spettacolare sezione di collegamento di circa 5 chilometri con cui unire due delle tre discese cronometrate del secondo giorno di gara.

In questo modo, rider come quelli dell'Orbea Enduro Team attraverseranno letteralmente la montagna invece di salirla e si collegheranno alle due valli del versante sloveno, la valle dove si trova la località di Črna na Koroškem e, dall'altra parte, il comune di Mežica. Anche se il dislivello è praticamente inesistente in questo tratto, le buche e le irregolarità dei vecchi dormienti della ferrovia della miniera costringono i rider e le sospensioni della Rallon, con cui gareggiano i nostri ciclisti, a non rilassarsi.

I più claustrofobici possono evitare questo collegamento sotterraneo, in cambio di un paio di chilometri in più e una manciata di metri di salita, ma si perderanno un percorso con migliaia di anni di storia.

Puoi seguire tutte le novità dell'Orbea Enduro Team sui social network (Instagram e Facebook), in orbea.com e nel nuovo sito dell'Orbea Enduro Team.

Etichette

Voci relative

3 years fa

L'Orbea Enduro Team visita lo Utah

Durante il faticoso calendario EWS, ci sono lunghe soste che sono ottime per dedicarsi all'allenamento e alla preparazione, sono ben intervallate dai folli tour in giro per il mondo.

4 weeks fa

There can only be one first

Quando competi nell’élite, la gloria è riservata solo ai migliori. Attualmente, l’esigenza nelle Enduro World Series è altissima; ogni pedalata, ogni tracciato, ogni piccola decisione che prende il rider determina se toccherà il cielo o mangerà la polvere. Questa eterna sete di essere il numero uno perseguita Flo, Edgar, Vid, Martin… ma anche gli altri rider. “There can only be one first” racconta questa lotta costante contro se stessi per arrivare in cima.

2 months fa

Festa Finale per l’Orbea Fox Enduro Team

Non c’è modo migliore di chiudere la stagione 2022 se non dalla posizione più alta del podio! Così ha fatto l’OET, che si è aggiudicato, dopo l’ultima prova, il primo posto nella generale a squadre. Un successo congiunto frutto del lavoro duro, l’unità del gruppo e il talento sulla Wild FS. La festa è stata strepitosa a Finale Ligure!

Esta web utiliza cookies propias y de terceros para su correcto funcionamiento y para fines analíticos. Al hacer clic en el botón Aceptar, acepta el uso de estas tecnologías y el procesamiento de tus datos para estos propósitos.
Privacidad